Cerca nel blog

Pagine

martedì 4 maggio 2010

impresa coniugale

Un amico vorrebbe costruire un piccolo centro commerciale su un'area di sua proprietà al 50% con la moglie, in separazione dei beni, ma vorrebbe spendere il meno possibile in imposte e buracrazia.
Io gli ho consigliato l'impresa coniugale.
Occorrerà convenire alla comunione dei beni (con atto notarile), ma non mi pare costoso. Gli ho inoltre configurato la possibilità di conferire l'azienda costituita con l'impresa coniugale in srl, fra qualche anno.
A favore del conferimento da fare fra qualche anno, ferma restando la legislazione attuale, potremo avere :
- tassa fisse di registro per l'intestazione alla società;
- aliquota fissa sul reddito della srl (27,5% ires + 3,9% irap) contro l'aliquota irpef progressiva per scaglioni sul reddito dei soci dell'impresa coniugale + 3,9% irap;
- possibiltà di dare dei compensi agli amministratori, per integrare o formare la posizione pensionistica personale
- possibilità di vendere le quote della srl anzichè l'immobile;
- possibità intestazione fiduciaria quote srl
- possibilità di una migliore pianificazione future imposte di successione (forse)

giovedì 15 aprile 2010

comodato, uso gratuito

Il comodato è essenzialmente gratuito, quando si stabilisce una controprestazione (anche in "nero") si realizza un contratto di locazione (Cass.276/75).
Per il contratto di comodato di un immobile non è necessaria la forma scritta (Cass. 1083/81).
Il contratto di comodato, in forma scritta, è soggetto a registrazione, pari a 129,11 Euro (DPR 26.04.86, n°131, tariffa art. 5).
Si può stabilire una data certa senza bisogno di registrare il contratto attraverso uno scambio di raccomandate (proposta e accettazione) fra le parti
Il contratto di comodato può essere senza determinazione di data, in questo caso si parla di comodato a tempo indeterminato.
continua ...
comodato

contratto di sub appalto in edilizia

Un artigiano edile mi ha chiesto: "devo svolgere un lavoro in sub appalto per l'impresa xxx"". mi serve un contratto da proporre al committente." Io gli ho consegnato questa bozza:
sub appalto

martedì 13 aprile 2010

lavoro autonomo occasionale e collaborazione occasionale

Differenza esistente tra lavoro autonomo occasionale rispetto alla collaborazione coordinata, a progetto od occasionale.
inps

LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE:
art. 2222 del cod. civile
Ai sensi dell'art. 2222 del cod. civile, è lavoratore autonomo occasionale chi si obbliga a compiere un'opera od un servizio, con lavoro prevalentemente proprio, senza vincolo di subordinazione e senza alcun coordinamento con il committente. L'esercizio dell'attività, peraltro, deve essere del tutto occasionale, senza i requisiti della professionalità e della prevalenza.
Formalità :
Lettera d’incarico: verbale o scritta
Riscossione compenso : Ricevuta con Ritenuta d’acconto irpef 20% (niente ritenuta prev.le), marca da bollo € 1,81 oltre € 77,47
continua :
lavoro occasionale

lunedì 12 aprile 2010

usufrutto e tutela del patrimonio familiare

Un imprenditore mi ha chiesto: cosa devo fare in questi tempi di crisi per tutelare il mio patrimonio.
Un notaio gli ha detto “fai il Fondo patrimoniale, costa poco e ti tutela molto.
Molti cedono ai figli o al coniuge la nuda proprietà di un bene e trattengono per se l’usufrutto. Io ho visto casi in cui la cosa ha funzionato, altri in cui ha funzionato al contrario !!!
Poi c’è la costituzione di una rendita vitalizia; la cessione di quote; l’intestazione fiduciaria, il Trust; ...
Tutte le operazioni hanno vantaggi e svantaggi. Per ordine di importanza, secondo me, prevalgono :
aspetto psicologico;
aspetto legale;
aspetto fiscale
Guarda il file “usufrutto” allegato contenente i primi appunti
usufrutto

business plan

Un imprenditore mi ha chiesto : “cosa occorre per avere successo con la mia azienda ?” Gli ho ricordato quella canzone che recitava : … fare ciò in cui credi. Ma fare ciò in cui credi sai in fondo è facile... Credere in quello che fai è più difficile... Eros Ramazzotti diceva “ci vuole passione … ci vuole coraggio” Alessandro mi ha detto … le circostanze della vita”. Un altro : “La carica, l’energia, che poi dipendono dal carattere e dalla salute…
Poi gli ho detto “io posso solo aiutarti a fare un buon “Business Plan” un documento che ti servirà :
1) per la tua vanità personale
2) per il tuo sito o blog
3) per chiedere finanziamenti alle banche
4) per promuovere la vendita della tua azienda o quote di essa.
La parte più importante è del business plan è quella descrittiva, che va studiata caso per caso. Poi la parte numerica, con le tabelle, come nel file “business plan” allegato, opportunamente adattate e contestualizzate.

business plan

giovedì 8 aprile 2010

progettare una casa con excel

E' possibile progettare una casa con excel ? Forse no, ma per chi non ha tempo e voglia di cimentarsi con sw cad adeguati è possibile disegnare una piantina su excel, inserire delle figure, modificare, cancellare, copiare, incollare, in modo semplice e rapido. Tutto questo sarà utile per dare delle indicazioni al nostro tecnico, per visualizzare i ns bisogni. Mostro un esempio.

piantina